Morte (e resurrezione) a Siviglia

Morte e resurrezione: due concetti fondanti della religione cattolica. E, anche se nella seconda parte della storia non ci si crede, a Siviglia la si interpreta con tale solennità che è impossibile non restarne abbagliati. I primissimi li vedo dai finestrini del bus che dall’aeroporto ci sta portando in calle San Vicente. Hanno cappucci e…

L’amore, la morte e il rebozo amaranto

Si è conclusa da poco, a Genova, Frida Kahlo e Diego Rivera, la grande mostra dedicata ad approfondire i rapporti personali e artistici fra i due artisti messicani. Trovare un percorso luttuoso al suo interno non è stato facilissimo, ma poi una foto ha dato l’orientamento, divenendo il punto di partenza per ricostruire una serie…

Non permettere che mi dimentichino

Il libro Santa Evita, fosse stato per me forse non lo avrei mai comprato. E invece ringrazio Malvina ogni giorno di più per avermelo consigliato, perché fra quelle pagine mi sono completamente persa. Il motivo è semplice: Tomás Eloy Martínez, uno dei più noti scrittori e giornalisti argentini contemporanei, compone un romanzo-inchiesta straordinario sulla vita…

Paura

Paura è il titolo perfetto per l’autobiografia di Dario Argento, “il maestro del brivido” come ci ricorda la fascetta del libro, perché non è solo l’emozione che da sempre il regista vuole far vivere ai suoi spettatori, è anche quella che più spesso lo ha accompagnato nella sua vita. Quando è cominciato tutto? Dario Argento…

Quelle lettere di colore viola

Si studia ancora la mitologia, a scuola? Io la studiavo e aspettavo quell’ora – una soltanto, a spezzare la grammatica, le coniugazioni, le declinazioni – con impazienza. Aveva la forza di portarmi altrove. Di farmi riflettere, come poche altre materie, sui grandi concetti. Perché in fondo mi sono sempre piaciute le fiabe. Tra i vari miti, almeno…

La croce

Prendi la tua Arroganza e intrecciala. Fanne un robusto cappio. Forte, vigoroso, tale da reggere la Presunzione che ti contraddistingue. E impiccati nel Giardino dei Sentimenti, all’albero della Comprensione, arbusto che in te non è mai riuscito a mettere radici. Notturnia «Aglio?». «Funziona» rispose Strigoia. La voce era tagliente. Un fastidioso ronzio affilatissimo. La femmina…

All’infinito e irripetibilmente

Metti un giorno di entrare in una biblioteca, di quelle imponenti, dove ogni sala contiene una lettera dell’alfabeto e una soltanto. Hai la fortuna di farlo quando l’orario di visita è finito, perché c’è chi si premura di procurarti un lasciapassare. Sei tu. E ci sono i libri, tantissimi. E c’è come una forza misteriosa…