Duecentosei bare

“Apre gli occhi e grida. Urla, si dimena, batte la testa. Strilla finché le corde vocali non le si sono sfibrate e dalla sua bocca esce solo un gemito”. Oggi non ci va di scherzare. Oggi vi regaliamo un brivido scuro e forse anche un po’ glam. Quello che a noi ha regalato Roberto Carboni col suo racconto “Duecentosei bare”.

Annunci

Belle fresche #5

Oltreché in brillanti da indossare al dito, pare che le ceneri possano trovare un altro utilizzo, in un dildo contenuto in un grazioso cofanetto multitasking. Ma amore e morte sono connessi anche a Taiwan, dove le vedove ingaggiano spogliarelliste per danzare intorno alla tomba del defunto. Andiamo poi nel cimitero di Brescia, che a breve si riempirà di cartelloni pubblicitari, e infine in una camera di ospizio, dove per la prima volta la 102enne Alice Barker si vede sullo schermo, quando ai tempi d’oro ballava lo swing.

Belle fresche #4

Suocere e suoceri non perdonano, nemmeno dall’aldilà… Ricordatevene ogni volta che andate al cimitero o pubblicate un necrologio. Nella rassegna di oggi, però, parliamo anche di tradizioni e cura del cadavere, e di mostre d’arte demoniache…