L’abbandono della domenica

A maggio, SdL si è cimentata con il tema dell’abbandono per Illustrati. E vi parla di cimiteri, dove lentamente la natura riprende il sopravvento sulle bianche statue. Vi proponiamo quel pezzo oggi che è uscito il nuovo numero della rivista, che potete leggere cliccando qui. La perdita della memoria è abbandono. Si abbandona e si…

I guardiani del silenzio

Si può iniziare a fotografare un luogo quasi per caso e poi innamorarsene completamente? Ad Anna Rosa è successo e, da quella prima volta, a Staglieno c’è tornata ancora, e ancora, e ancora, guardandolo ogni volta con occhi diversi… La mia vicenda coi cimiteri è iniziata da meno di un anno, e per puro caso,…

La bellezza sotto il cielo

Non solo il cielo è popolato di angeli. Anche sotto, quel cielo, c’è un intero universo abitato dalla bellezza. Volti, mani, schiene, pance, piedi, gambe, braccia. Ali. Sono le presenze che popolano l’orizzonte fotografico di Martin Vegas. Il bello di gestire un blog e una pagina facebook, stando fra le maglie della rete, è la…

Aeterna

Ci sono libri che hai intensamente desiderato perché l’argomento di cui trattano lo pratichi ormai da qualche anno, perché il linguaggio che usano ti è affine, perché ne stimi l’editore, per semplice curiosità. Poi, per un po’ di tempo, rimangono lì a sedimentare su uno scaffale. Ci appoggi sopra dei fogli, e poi degli altri…

Il dolore degli angeli

La fascinazione per i cimiteri – piccoli o grandi, sconosciuti o famosi – mi arriva da lontano, quando ero un bambino e insieme ai miei genitori andavo in vacanza in un pittoresco paesino della Val d’Intelvi. La meta della passeggiata serale era proprio il piccolo cimitero del paese. Insolito e strano per un bambino (d’altri…

Eros e Thanatos: l’eternità è di entrambi… forse

Quando ti si dice: “Ehi, Salone del lutto dimmi cosa pensi dell’amare”, al Salone del lutto vengono in mente tante immagini. Tenere, passionali, a volte strambissime. E sono tutte immagini cimiteriali. Perché lo sapete, vero, che i cimiteri parlano di amore, sempre comunque e dovunque? Lo sapete che tra le lapidi ci si abbandona più…